Passa ai contenuti principali

La Meraviglia del Tempo

Il Tempo.
Un incessante, irrefrenabile  e infinito susseguirsi di attimi.
Attimi che velocemente sfuggono per diventare passato, ma che al tempo stesso così lenti sembrano non finire mai. La mente è costretta a piegarsi dinanzi a quell'infinità che il tempo contiene, esso che è l'esempio più concreto di immensità.  Tempo con un innato senso del tutto, in esso vi è ciò che è stato, quel che è e quel che sarà; emozioni,sentimenti, gioia,sorrisi, euforia,dolore, lacrime, riflessioni, incontri, scontri, litigi, amicizie, amori, questo e tanto altro è quello che il tempo contiene, insomma la vita, la vita di ognuno di noi. Tempo che mescola tutti questi elementi per crearne altri e ancora altri, tempo che passa ma che non basta mai. Credo che ognuno di noi, almeno una volta nella propria vita, si sia soffermato di fronte ad esso per rifletterci su, per contemplarlo e per stupirsi ogni giorno sempre di più. Ripensare a tutto quel che si è fatto ed accorgersi di come questo tempo agisca nel nostro vivere. Tempo dunque che ci spinge all'autocritica e a migliorarsi, ponendoci di fronte a  sempre nuove occasioni per accresce il nostro spirito. Tempo che ci costringe a crescere, ma che contemporaneamente ci regala il sogno d poter restare sempre  bambini. E intanto lui continua a scorrere, per quanto si tenti di fermarlo, lui continua il suo percorso e cambia tutto; a ci non è mai capitato di voler fermare un attimo, viverlo per sempre, desiderare che il tempo non intacchi i rapporti, le idee, le emozioni; e invece lui e lì ad attendere il momento giusto per stravolgerti e metterti alla prova. Tempo nemico non solo dei sentimenti, ma nemico numero uno di chi al mattino continua a lottare contro la sveglia per poter svegliarsi in tempo; di chi con l'orologio al polso con lo guardo tenta di fermarlo, mentre corre  per non arrivare in ritardo ad un appuntamento; di chi invano corre dietro l'autobus che ha perso per solo pochi secondi; di chi , sempre per pochi secondi, non è riuscito a raggiungere la porta del bagno. Purtroppo dobbiamo accettarlo è così, lui scorre inesorabile e se ne frega di chi non segue il suo passo e continua a vivere in momenti ormai passati, oppure vivendo in un tempo tutto suo.
Ricordo di quando studiai un filosofo al liceo, un certo Bergson, rimasi stupito dal modo in cui egli concettualizzava il tempo, non come il susseguirsi di secondi, come viene definito dalla scienza, ma come rincorrersi di stati di coscienza; e ricordo ce passavo giornate ad immaginare un mondo dove non vi fossero più orologi e dove tutti avrebbero adottato questo modello, ageometrizzando il tempo, un mondo perfetto per i ritardatari! Dove ognuno arriva quando crede che sia il momento giusto; non passerebbe nemmeno un giorno  che il caos dilanierebbe : treni che passano quando più ne hanno voglia (ma  comunque sempre in ritardo), gente irritata perché chi stanno aspettando non arriva; uno spettacolo da godersi. Ma poi riapro gli occhi e mi accorgo che è già passato qualche minuto a quando ho cominciato a fantasticare, e allora mi rendo conto che quei minuti persi a sognare il mondo senza tempo ormai sono andati, persi e non posso riaverli indietro; questo non va affatto bene, io il mio tempo non voglio perderlo, i miei secondi sono limitati, come quelli di tutti d'altronde , solo che io voglio godermeli tutti, sono il mio unico vero tesoro; quindi ho deciso, io voglio ricordarli tutti , uno ad uno ,senza rimpianti , senza utilizzare mai il condizionale nel rimembrare quei momenti, perché questi secondi rappresenteranno la nostra vita , la Mia vita, e dato che è già unica , io ora voglio solo renderla Memorabile!!

Commenti

  1. Stiamo davvero vivendo lo stesso tempo? No perché il sogno di restare bambini non l'ho ricevuto in regalo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sogno di restare bambini, secondo il mio umile pensiero, sta nel saper gioire di poco, nel continuare a stupirsi difronte alle novità. Forse hai ragione , non tutti ricevono il dono del restare sempre bambini, ma a mio avviso sta tutto nelle nostre mani. Certo il tempo in cui stiamo vivendo sono più gli attimi di stress e di nervosismo quelli che ci regala, e la spensieratezza non è altro che una mera illusione. Però basta anche poco, cominciare a sorridere alla giornata, anche a quella più nuvolosa; tentare di essere di meno egoisti e aiutare gli altri per quanto si può , sempre nel recinto dei propri limiti. Restare bambini inteso non come età, ma come purezza d'animo. :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il regalo perfetto.

Non capisco per quale motivo  più  passa il tempo e più  non comprendo la maggior parte della gente. Chissà  quanti altri hanno fatto riflessioni sull'argomento "apparenza", tanti. Ma guardandomi intorno non mi riesco a trattenere  dall'aggiungermi a questa lista. Voglio capire.Viviamo in un' epoca dove per qualsiasi siano i tuoi  ideali , il tuo modo di essere o chiunque tu sia o faccia, esiste un solo ed unico mantra da seguire ed è  quello dettato dall'apparenza, dal saper vender malgrado i contenuti. Si è  passati da "L'occhio vuole la sua parte" a il "Date da mangiare agli occhi". Una società  sempre più  orientata al conformismo generale, sempre più  gregge su  qualsiasi cosa;  una società  in cui la forza  delle idee viene messa da parte per darle la possibilità  di  apparire.
Sarà  che forse solo ora me ne sono  reso conto, ma basta guardare un po più con occhio critico tutti quei selfie e non che vengono pubblicati per dubitar…

Come mi descriverei?!

Come ti descriveresti?
Non è la prima volta che mi ritrovo davanti a questa domanda, e come ogni volta rispondo a caso senza pensarci. Forse perché non mi va o più semplicemente perché non lo so. Allora mi sono chiesto come faccio a descrivermi, nessuno può descriversi senza specchiarsi e allora ho voluto che lo specchio in cui descrivermi fosse quello che dice di me la gente.
Qualcuno mi ha definito matto, irrequieto, energetico;
qualcuno mi ha definito pigro e svogliato;
qualcuno mi ha definito tranquillo e pensieroso;
qualcuno mi ha definito pagliaccio, ma nel senso buono (ha aggiunto);
qualcuno addirittura ha osato dandomi dell’artista, e di sicuro in quella frase il sarcasmo abbondava;
qualcuno mi ha dato del coglione, forse anche più di uno.
In tutta sincerità ora non ricordo se quel qualcuno era la stessa persona o sono solo una sintesi delle centinaia di persone che ho incontrato per la strada, ma di sicuro per ogni parola che mi son sentito dire, nessun di queste me la sono…

#Momento Serietà Misto A Nostalgia

Oggi come al solito, per carenza di memoria, ho dovuto spulciare in vecchi post alla ricerca di una data - che tanto lo sapevo che per quanto ero/sono social quel giorno avevo scritto sicuramente qualcosa; il che mi ha portato a fare  un salto all'indietro di SETTE anni,
SETTE ANNI!
 che solo a dirlo mette spavento dato che in tutto questo tempo avrei potuto veder nascere un figlio, magari battezzarlo ed in questi giorni poi doverlo accompagnare in chiesa per il catechismo o qualcosa del genere – (Perché lo ammetto posso essere anche agnostico, ateo o quel che si voglia , ma sono sicuro che i sacramenti mio figlio li dovrà ricevere… forse solo più per la festa che c’è dopo).
Comunque, Sette anni!
Per fortuna dopo tutto questo tempo il Figlio sono rimasto ancora solo io, niente pensieri di quel tipo, anche se non è che abbia rischiato chissà quanto di incappare nel ritrovarmi in quella situazione.
La cosa che però mi ha dato più da pensare è stato il rileggere quei vecchi post e com…