Passa ai contenuti principali

La Meraviglia del Tempo

Il Tempo.
Un incessante, irrefrenabile  e infinito susseguirsi di attimi.
Attimi che velocemente sfuggono per diventare passato, ma che al tempo stesso così lenti sembrano non finire mai. La mente è costretta a piegarsi dinanzi a quell'infinità che il tempo contiene, esso che è l'esempio più concreto di immensità.  Tempo con un innato senso del tutto, in esso vi è ciò che è stato, quel che è e quel che sarà; emozioni,sentimenti, gioia,sorrisi, euforia,dolore, lacrime, riflessioni, incontri, scontri, litigi, amicizie, amori, questo e tanto altro è quello che il tempo contiene, insomma la vita, la vita di ognuno di noi. Tempo che mescola tutti questi elementi per crearne altri e ancora altri, tempo che passa ma che non basta mai. Credo che ognuno di noi, almeno una volta nella propria vita, si sia soffermato di fronte ad esso per rifletterci su, per contemplarlo e per stupirsi ogni giorno sempre di più. Ripensare a tutto quel che si è fatto ed accorgersi di come questo tempo agisca nel nostro vivere. Tempo dunque che ci spinge all'autocritica e a migliorarsi, ponendoci di fronte a  sempre nuove occasioni per accresce il nostro spirito. Tempo che ci costringe a crescere, ma che contemporaneamente ci regala il sogno d poter restare sempre  bambini. E intanto lui continua a scorrere, per quanto si tenti di fermarlo, lui continua il suo percorso e cambia tutto; a ci non è mai capitato di voler fermare un attimo, viverlo per sempre, desiderare che il tempo non intacchi i rapporti, le idee, le emozioni; e invece lui e lì ad attendere il momento giusto per stravolgerti e metterti alla prova. Tempo nemico non solo dei sentimenti, ma nemico numero uno di chi al mattino continua a lottare contro la sveglia per poter svegliarsi in tempo; di chi con l'orologio al polso con lo guardo tenta di fermarlo, mentre corre  per non arrivare in ritardo ad un appuntamento; di chi invano corre dietro l'autobus che ha perso per solo pochi secondi; di chi , sempre per pochi secondi, non è riuscito a raggiungere la porta del bagno. Purtroppo dobbiamo accettarlo è così, lui scorre inesorabile e se ne frega di chi non segue il suo passo e continua a vivere in momenti ormai passati, oppure vivendo in un tempo tutto suo.
Ricordo di quando studiai un filosofo al liceo, un certo Bergson, rimasi stupito dal modo in cui egli concettualizzava il tempo, non come il susseguirsi di secondi, come viene definito dalla scienza, ma come rincorrersi di stati di coscienza; e ricordo ce passavo giornate ad immaginare un mondo dove non vi fossero più orologi e dove tutti avrebbero adottato questo modello, ageometrizzando il tempo, un mondo perfetto per i ritardatari! Dove ognuno arriva quando crede che sia il momento giusto; non passerebbe nemmeno un giorno  che il caos dilanierebbe : treni che passano quando più ne hanno voglia (ma  comunque sempre in ritardo), gente irritata perché chi stanno aspettando non arriva; uno spettacolo da godersi. Ma poi riapro gli occhi e mi accorgo che è già passato qualche minuto a quando ho cominciato a fantasticare, e allora mi rendo conto che quei minuti persi a sognare il mondo senza tempo ormai sono andati, persi e non posso riaverli indietro; questo non va affatto bene, io il mio tempo non voglio perderlo, i miei secondi sono limitati, come quelli di tutti d'altronde , solo che io voglio godermeli tutti, sono il mio unico vero tesoro; quindi ho deciso, io voglio ricordarli tutti , uno ad uno ,senza rimpianti , senza utilizzare mai il condizionale nel rimembrare quei momenti, perché questi secondi rappresenteranno la nostra vita , la Mia vita, e dato che è già unica , io ora voglio solo renderla Memorabile!!

Commenti

  1. Stiamo davvero vivendo lo stesso tempo? No perché il sogno di restare bambini non l'ho ricevuto in regalo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sogno di restare bambini, secondo il mio umile pensiero, sta nel saper gioire di poco, nel continuare a stupirsi difronte alle novità. Forse hai ragione , non tutti ricevono il dono del restare sempre bambini, ma a mio avviso sta tutto nelle nostre mani. Certo il tempo in cui stiamo vivendo sono più gli attimi di stress e di nervosismo quelli che ci regala, e la spensieratezza non è altro che una mera illusione. Però basta anche poco, cominciare a sorridere alla giornata, anche a quella più nuvolosa; tentare di essere di meno egoisti e aiutare gli altri per quanto si può , sempre nel recinto dei propri limiti. Restare bambini inteso non come età, ma come purezza d'animo. :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…

Il Ripensamento

Neanche una settimana.
Poco è durato il mio periodo di astinenza dai social. Dopo cinque giorni ho subito riattivato i miei profili social,  non per pubblicare , non per condividere o leggere quel che hanno scritto gli altri: per egoismo e voglia di protagonismo. Per quanto allo stesso tempo  mi son sentito una merda del fatto che il mio Rivoluzionario gesto del disattivare i social  sia passato talmente inosservato che anzi una merda ha più risalto.
Io che ho li ho riattivati proprio per evitare che venissi dimenticato, mi sono accorto che in realtà già lo ero da un bel pezzo;   non sono un profilo appetibile, non faccio tendenza. Passo inosservato. Io amante del sentirmi al centro della scena  non mi ero mai accorto di dare le spalle al pubblico , anzi che fondamentalmente il pubblico le desse a me.
Ma poco importa, almeno se casco non lo nota nessuno.
Anzi questo non lo capisco invece , tutti a guardare altrove ma quando casco tutti che si girano. Bah.
Me ne ritorno nel mio angolet…

Social? No grazie.

Dopo un'attenta riflessione sono giunto ad una conclusione ormai quasi ovvia: Smetto di essere social. Niente Facebook, niente Instagram. Nessun surrogato di realtà per me.
Questo non vuol dire per forza che debba diventare asociale, voglio solo essere social come lo si era una volta, quando ancora chi lo era lo si chiamava "socievole".
Voglio cambiare i post ed i mi piace con battute e sorrisi veri, con emozioni reali.
Ho capito che preferisco andare da solo in posti dove non conosco nessuno, pieni di potenziali interlocutori, più che restare in una piazza virtuale circondato da "amici" che oltre al like sulle foto in cui vengo taggato, non conoscono minimamente come sono fatto e cosa penso e ne tanto meno gliene importa un fico secco, come non importa a me.
Voglio una vita più concreta, più tangibile. Voglio una vita in cui non devo ostentare le mie gioie, le mie paure e i miei dolori. Voglio una vita da trascorrere la sera al bar con quel amico che ti chiede…