Passa ai contenuti principali

La Prima Parola.....Post! L'inizio con la Fine


Difficile trovare le parole per l’inizio di questa nuova esperienza. Inutile schiarirsi la voce o prendere un bel respiro (anche perché ho a disposizione tutto il tempo che voglio per poter scrivere).
Era già da un po’ che riflettevo sull’idea di poter esprimermi in un blog tutto mio, dove poter dire quel che penso, quello che mi passa per la mente. D’altronde questa è l’anima di qualsiasi blog; da quanto riporta Wikipedia  un blog non è altro che una sorta di diario online, dove poter scrivere qualsiasi  cosa si voglia, esprimere  le proprie considerazioni e le proprie idee.

Quindi non avevo frainteso.

         E allora diamo il via ufficiale al blog de Il Ragno Parlante.


La data d’inizio di questo blog è molto significativa, eh già , soprattutto se si pensa che qualcuno oggi aveva dato per spacciato l’intero Pianeta, anticipando di qualche centinaio di giorni l’altra predizione. Solo che ora mi confondono; non ho capito se hanno  predetto l’anticipazione della fine, per farci abituare all’idea che il fatidico 21 12 2012 sarà una data come tutte le altre, anzi forse anche troppo soleggiata per essere dicembre; oppure per portare più enfasi a quella data tanto attesa, che sicuramente si scoprirà devastante, per tutti quelli che attendono la così ambita fine.
Certo che ci vuole fantasia e su questo un plauso è doveroso , non solo ai maya che se  avessero la possibilità di replicare  comincerebbero a sghignazzarsela  già da oggi, per lo scherzo degli scherzi, lo scherzo più riuscito nella storia mondiale di ogni epoca; ma la mia più completa ammirazione va soprattutto  a quegli “studiosi”  e a  tutti coloro che credono davvero che succeda qualcosa. 
Cercando in tutti modi di dare forza e giustificazione a tale predizione, con ipotesi non assurde, di più , che non sfiorano il confine della fantascienza , ne fanno proprio parte. E poi parliamoci chiaro, se lo avevano detto i Maya  qualcosa di certo deve pur esserci, no?!
Anche se in tutta sincerità  non nascondo che spero che qualcosa accada; 
chi non ha mai sognato di far parte di una super mega apocalisse e lottare per la sopravvivenza?!
Oppure sperare in uno sbarco alieno, e preciso ,solo uno sbarco e non una conquista aliena; perché chi ha detto che se gli alieni arrivino sulla terra debbano per forza conquistarla? Non potrebbero venire giusto per curiosità, restare un paio di giorni,giusto per il weekend, e poi ritornare nel loro pianeta; d’altro canto potrebbero aver lasciato il gas della cucina aperto, non avere nessuno che gli annaffi le piante del giardino, aver organizzato una rimpatriata con i vicini di navicella oppure dovrebbero tornare a lavoro, che di questi tempi solo un extra terrestre forse è capace di riuscire a trovarlo; ma meglio non toccare quell'argomento, almeno ora. Ma devo piegarmi alla triste verità, l'inizio della fine del mondo non è così eclatante, nessun asteroide, nessuna alluvione e  nessuna guerra tra mondi. L'esordio apocalittico è stato abbastanza deludente, ormai dobbiamo farcene una ragione , se il mondo avrà fine sarà solo per mano nostra, e per non aver fermato la mano di chi ci governa, che grazie alle sue leggi, ai suoi privilegi e a tutto quel putridume di cui  composto non fa altro che salvaguardare i suoi interessi a discapito proprio del mondo e del suo stato di salute. Ma forse è più comodo credere che la fine arrivi per mano di qualcosa di più altro, giusto per alleviarsi da ogni responsabilità, da quello stato di  angoscia che potrebbe attanagliare i più che ,anche se consapevoli di quel che sta accadendo, preferiscono crogiolarsi nell'ignoranza e rotolarcisi a più non posso; forse per vivere una vita più semplice,meno ansiosa  e senza pensieri, non accorgendosi che una vita così è  anche  una vita senza futuro. 


Commenti

  1. Apocalisse? No, grazie. Non mi farebbe tanto piacere viverla, caro ragnetto.
    Piuttosto mi accontento del disastro che si sta vivendo ora, di cui sicuramente parlerai a breve.
    Quindi, attendo.
    Aurevoir!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…

Il Ripensamento

Neanche una settimana.
Poco è durato il mio periodo di astinenza dai social. Dopo cinque giorni ho subito riattivato i miei profili social,  non per pubblicare , non per condividere o leggere quel che hanno scritto gli altri: per egoismo e voglia di protagonismo. Per quanto allo stesso tempo  mi son sentito una merda del fatto che il mio Rivoluzionario gesto del disattivare i social  sia passato talmente inosservato che anzi una merda ha più risalto.
Io che ho li ho riattivati proprio per evitare che venissi dimenticato, mi sono accorto che in realtà già lo ero da un bel pezzo;   non sono un profilo appetibile, non faccio tendenza. Passo inosservato. Io amante del sentirmi al centro della scena  non mi ero mai accorto di dare le spalle al pubblico , anzi che fondamentalmente il pubblico le desse a me.
Ma poco importa, almeno se casco non lo nota nessuno.
Anzi questo non lo capisco invece , tutti a guardare altrove ma quando casco tutti che si girano. Bah.
Me ne ritorno nel mio angolet…

Social? No grazie.

Dopo un'attenta riflessione sono giunto ad una conclusione ormai quasi ovvia: Smetto di essere social. Niente Facebook, niente Instagram. Nessun surrogato di realtà per me.
Questo non vuol dire per forza che debba diventare asociale, voglio solo essere social come lo si era una volta, quando ancora chi lo era lo si chiamava "socievole".
Voglio cambiare i post ed i mi piace con battute e sorrisi veri, con emozioni reali.
Ho capito che preferisco andare da solo in posti dove non conosco nessuno, pieni di potenziali interlocutori, più che restare in una piazza virtuale circondato da "amici" che oltre al like sulle foto in cui vengo taggato, non conoscono minimamente come sono fatto e cosa penso e ne tanto meno gliene importa un fico secco, come non importa a me.
Voglio una vita più concreta, più tangibile. Voglio una vita in cui non devo ostentare le mie gioie, le mie paure e i miei dolori. Voglio una vita da trascorrere la sera al bar con quel amico che ti chiede…