Passa ai contenuti principali

Notte d'Estate





Luglio 23 2012. Ore 23.54.
Non è proprio notte fonda, ma l'oscurità che mi circonda sa camuffare bene questa mancanza. Siamo in estate e dovrebbe essere una di quelle belle notti stellate , per fortuna no. Qui il cielo è grigio, un gregge di nubi continua a ricordare la possibilità di pioggia; e io mi continuo a godere questo buio. Solo un po' di luce in lontananza emanata dall'unico lampione della contrada che non da ancora segni di cedimento, e un faro anti intrusione del vicino. Seduto su una sdraio da mare, con una leggerissima coperta, nella veranda della mia camera ammiro i lampi che distanti mettono in risalto quella statua del Monte Alpi e le sagome delle colline che mi accerchiano. Un po’ alla volta si avvicinano, proprio quello che speravo. Allora mi alzo, vado di la e spengo l’ultima luce accesa in casa, tanto stanno già dormendo. La folgore si fa sempre più vicina, l’aria rinfresca e una leggera frescura entra dalla finestra ancora aperta; forse meglio chiuderla. E il continuo lampeggiare dei fulmini annuncia il temporale che ripasserà anche domani o forse stesso stanotte. Mi risiedo e comincio a contemplare davvero lo splendore della Natura.
I fulmini si inseguono, sembrano quasi che giochino a nascondino, restano un po’ fermi, di corsa appaiono si fanno vedere per un istante e poi spariscono di nuovo. Devono essere davvero lontani; nemmeno trattenendo il respiro riesco a sentire il loro tuono. Riprendo fiato, sempre pi+ convinto che l’idea di non praticare mai l’apnea sia fondatissima. Ne rivedo un altro, questo ha chiaramente disegnato una nuvola, tracciandone il suo classico contorno tondeggiante, sembra quasi che il cielo sia sereno, ma è tutto questione di attimi ora di nuovo calma. Ma aspetta. Tutto d’un tratto tutta la campagna nei paraggi risplende come se fosse mezzogiorno, una luce fortissima fa brillare tutto intorno a me per poi spegnersi nel buio. E mi lascia qua , spiazzato. Anche se ho gli occhi aperti vedo solo nero, nemmeno il lampione funzionante sembra acceso; cazzo, questo è stato proprio forte!
Manco il tempo di riuscire a impadronirmi della mia vista, che ecco il suo passo che squarcia il silenzio. Finalmente! Questo si che è un signor tuono! Ora si fanno intensi anche i fulmini, luci che sembrano radici cominciano una lotta contro il cielo per tentare di impadronirsene e dare via libera ai loro soldati goccia per conquistare anche la terra. E intanto una saetta , nel più classico dei modi, plana verso la terra, atterra. Poco distante altre seguono l’esempio della prima, la più coraggiosa . E io che seduto su questa sdraio sempre più comoda, comincio a sentirmi un divo paparazzato da decine di fotografi. Ma aspetto di nuovo il fulmine che ha illuminato la notte, quasi come ad aspettare il colpo finale , godendomi lo stato di angoscia e di adrenalina che gli altri lampi mi gettano addosso a monito per ricordarmi del mio essere vivo. Ed eccolo arriva , di nuovo il bagliore illumina la mia terra. Giusto gli attimi che riprendo senso e lascio la sdraio a godersi lo scenario, dopo questo ora posso rientrare; contento di aver goduto della visione dei Fuochi D’Artificio di Madre Natura!            

Commenti

Post popolari in questo blog

Il regalo perfetto.

Non capisco per quale motivo  più  passa il tempo e più  non comprendo la maggior parte della gente. Chissà  quanti altri hanno fatto riflessioni sull'argomento "apparenza", tanti. Ma guardandomi intorno non mi riesco a trattenere  dall'aggiungermi a questa lista. Voglio capire.Viviamo in un' epoca dove per qualsiasi siano i tuoi  ideali , il tuo modo di essere o chiunque tu sia o faccia, esiste un solo ed unico mantra da seguire ed è  quello dettato dall'apparenza, dal saper vender malgrado i contenuti. Si è  passati da "L'occhio vuole la sua parte" a il "Date da mangiare agli occhi". Una società  sempre più  orientata al conformismo generale, sempre più  gregge su  qualsiasi cosa;  una società  in cui la forza  delle idee viene messa da parte per darle la possibilità  di  apparire.
Sarà  che forse solo ora me ne sono  reso conto, ma basta guardare un po più con occhio critico tutti quei selfie e non che vengono pubblicati per dubitar…

Come mi descriverei?!

Come ti descriveresti?
Non è la prima volta che mi ritrovo davanti a questa domanda, e come ogni volta rispondo a caso senza pensarci. Forse perché non mi va o più semplicemente perché non lo so. Allora mi sono chiesto come faccio a descrivermi, nessuno può descriversi senza specchiarsi e allora ho voluto che lo specchio in cui descrivermi fosse quello che dice di me la gente.
Qualcuno mi ha definito matto, irrequieto, energetico;
qualcuno mi ha definito pigro e svogliato;
qualcuno mi ha definito tranquillo e pensieroso;
qualcuno mi ha definito pagliaccio, ma nel senso buono (ha aggiunto);
qualcuno addirittura ha osato dandomi dell’artista, e di sicuro in quella frase il sarcasmo abbondava;
qualcuno mi ha dato del coglione, forse anche più di uno.
In tutta sincerità ora non ricordo se quel qualcuno era la stessa persona o sono solo una sintesi delle centinaia di persone che ho incontrato per la strada, ma di sicuro per ogni parola che mi son sentito dire, nessun di queste me la sono…

#Momento Serietà Misto A Nostalgia

Oggi come al solito, per carenza di memoria, ho dovuto spulciare in vecchi post alla ricerca di una data - che tanto lo sapevo che per quanto ero/sono social quel giorno avevo scritto sicuramente qualcosa; il che mi ha portato a fare  un salto all'indietro di SETTE anni,
SETTE ANNI!
 che solo a dirlo mette spavento dato che in tutto questo tempo avrei potuto veder nascere un figlio, magari battezzarlo ed in questi giorni poi doverlo accompagnare in chiesa per il catechismo o qualcosa del genere – (Perché lo ammetto posso essere anche agnostico, ateo o quel che si voglia , ma sono sicuro che i sacramenti mio figlio li dovrà ricevere… forse solo più per la festa che c’è dopo).
Comunque, Sette anni!
Per fortuna dopo tutto questo tempo il Figlio sono rimasto ancora solo io, niente pensieri di quel tipo, anche se non è che abbia rischiato chissà quanto di incappare nel ritrovarmi in quella situazione.
La cosa che però mi ha dato più da pensare è stato il rileggere quei vecchi post e com…