Passa ai contenuti principali

E Riecco il Maltempo... e anche un altro Post!


ACCIDENTI! E' da un bel po' che non scrivo nulla sul mio Blog, vabbè non c'è nessuno che mi segue però quale occasione migliore per ricominciare a scrivere qualcosa , se non dopo il Diluvio che ha colpito Roma, ma che dico Roma, il Diluvio che ha colpito ME!
Se oggi non è stata una tipica situazione Fantozziana, non so proprio come definirla. Anch'io ho avuto il mio nuvolone che mi inseguiva. Ok: Roma , onde evitare catastrofi, con una possibile tempesta alle porte, non hanno esitato a dare l'allerta meteo; e infatti per evitare che il maltempo mi beccasse, il mio fedele ombrellino appena  mi son svegliato  già si trovava nello zaino; che destino beffardo!
Alle 9.30 già mi sentivo in obbligo di prendere in giro tutti  i meteorologi per il falso allarme messo in circolazione, dato che la giornata è iniziata nel classico dei modi con un bellissimo sole che continuava a farsi scherno dell’autunno ormai inoltrato. Doverose sono state le invocazioni sarcastiche a Noè ,per chiedere asilo nella sua Arca, e a Mosè ,implorando di dividere le sicure acque  che avrebbero intralciato il mio cammino ; e qua mi ripeto: che destino beffardo! Poi per il resto solita giornata, nessuno ci pensava più al  temporale ormai scansato e si già intravedeva la quiete dopo la NON tempesta, anche se lo sguardo verso la finestra ci cascava sempre. E poi prima di tornare a casa il dubbio, il pensiero : “ Vabbe’ , giusto per essere sicuro  forse è meglio che prendo l’autobus ” … credo che nessun idea stupida poteva essere più sbagliata di questa! Caspita, una giornata intera nella sicurezza che non avrebbe piovuto e giusto prima di tornare al sicuro tra quelle quattro mura l’incertezza??!! Proprio da deficiente!
Nemmeno il tempo d’arrivare alla fermata che già le gocce d’acqua facevano capire che ancora la giornata non era finita e che di Noè ancora avevo bisogno.
Per nulla timoroso, quasi con fare spavaldo apro lo zaino e tiro fuori la mia ARMA, l’ombrellino!!
Appena aperto mi sentivo già al sicuro, ma mai prendersi gioco del tempo;  c’ha messo un soffio per mandare il mio ombrello e me a quel paese, lasciandomi  ormai privo di difese sotto SECCHIATE d’acqua. Cacchio migliaia di fermate a Roma e nemmeno una vicino con una pensilina?! E mentre cominciavo a nominare tutti quei nomi segnati sotto i giorni del calendario, nel frattempo il vento e l’acqua mi sculacciavano con grande foga e sfacciatamente, quasi a rimproverarmi nel non avere avuto fede dei vari  caporali e colonnelli del meteo! Mi sreputavano un “mAteo”!!  
Ma non volevo dargliela vinta,  io ero andato lì a prendere l’autobus e lo avrei preso! Non sarei corso ai ripari; però , cazzo!, tutti gli autobus che passano erano solo nella direzione contraria alla mia,  nella mia corsia solo auto che sfrecciavano a 100 Km\h  che , nel vedermi inerme vicino la fermata, acceleravano ancora di più per far aggiungere gli schizzi d’acqua a quei goccioloni che continuavano imperterriti a  prendermi a schiaffi. Ed è proprio in quel momento, quando tra l’elenco dei partecipanti al primo di novembre e imprecazioni varie,  l’unico pensiero che dovrebbe essere sano è rivolto alla sfiga, che  la dea bendata impietosita alla fine un po’ d’aiuto cerca di dartelo.
Con lo sguardo ormai rassegnato dal non vedere più quel dannato 500 avvicinarsi ,  all’ improvviso i miei occhi si riempiono di rosso, rosso come la seicento di quei ragazzi che accostandosi alla fermata  mi porgono il loro ombrello. ( E qui apro un off-topic; Fino ad oggi nell’altruismo incondizionato credevo davvero poco, mi sono dovuto ricredere, anzi cercherò con tutto me stesso di riuscirci anch’io!.... e  si ritorna al discorso ) . Vabbé , più che ombrello era anche questo un ombrellino  ma almeno le sue condizioni erano migliori del mio ( anzi qualsiasi altra cosa sarebbe stata migliore di quell’ombrello  di cui ormai era rimasta quasi solo l’intelaiatura). E  a quel punto la gioia era incontenibile, anche la dea bendata ha cominciato a beccare la mia direzione;  ma mi sbagliavo.
Infatti non passano nemmeno 10 minuti da quanto quei ragazzi avevano rifornito il mio arsenale contro il temporale, che smette di piovere! “  Merda ora che ho un nuovo ombrello puoi continuare a piovere nuvola idiota!!!”  il primo pensiero a bufera placata; e nel frattempo del 500 ancora nemmeno l’ombra,sempre  trentamila autobus nella direzione contraria e nemmeno uno che si avvicinava a me!
Quindi non mi restava che consolarmi:  “Ok non fa niente, ormai son 20 minuti che aspetto, quanto diamine dovrò aspettare ancora; almeno ora ha smesso di piovere; però l’ombrello lo tengo ancora aperto,  altrimenti rischio di asciugarmi!”


Commenti

Post popolari in questo blog

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…

Il Ripensamento

Neanche una settimana.
Poco è durato il mio periodo di astinenza dai social. Dopo cinque giorni ho subito riattivato i miei profili social,  non per pubblicare , non per condividere o leggere quel che hanno scritto gli altri: per egoismo e voglia di protagonismo. Per quanto allo stesso tempo  mi son sentito una merda del fatto che il mio Rivoluzionario gesto del disattivare i social  sia passato talmente inosservato che anzi una merda ha più risalto.
Io che ho li ho riattivati proprio per evitare che venissi dimenticato, mi sono accorto che in realtà già lo ero da un bel pezzo;   non sono un profilo appetibile, non faccio tendenza. Passo inosservato. Io amante del sentirmi al centro della scena  non mi ero mai accorto di dare le spalle al pubblico , anzi che fondamentalmente il pubblico le desse a me.
Ma poco importa, almeno se casco non lo nota nessuno.
Anzi questo non lo capisco invece , tutti a guardare altrove ma quando casco tutti che si girano. Bah.
Me ne ritorno nel mio angolet…

Social? No grazie.

Dopo un'attenta riflessione sono giunto ad una conclusione ormai quasi ovvia: Smetto di essere social. Niente Facebook, niente Instagram. Nessun surrogato di realtà per me.
Questo non vuol dire per forza che debba diventare asociale, voglio solo essere social come lo si era una volta, quando ancora chi lo era lo si chiamava "socievole".
Voglio cambiare i post ed i mi piace con battute e sorrisi veri, con emozioni reali.
Ho capito che preferisco andare da solo in posti dove non conosco nessuno, pieni di potenziali interlocutori, più che restare in una piazza virtuale circondato da "amici" che oltre al like sulle foto in cui vengo taggato, non conoscono minimamente come sono fatto e cosa penso e ne tanto meno gliene importa un fico secco, come non importa a me.
Voglio una vita più concreta, più tangibile. Voglio una vita in cui non devo ostentare le mie gioie, le mie paure e i miei dolori. Voglio una vita da trascorrere la sera al bar con quel amico che ti chiede…