Passa ai contenuti principali

Da un Post all'altro! Da Natale al DuemiaeCredici!


Sono passati esattamente 100 giorni, 10 ore e 20 minuti dal mio ultimo post su questo "diario di bordo".
Fortunatamente non faccio il giornalista, altrimenti con la mia scarsa produzione di testi tra un "articolo" e l'altro di sicuro morirei di fame almeno 3 volte.

L'ultima volta che ho scritto qualcosa era il 2012, al governo c'era ancora Monti,il campionato cominciava a prendere forma, io cominciavo a seguire altre lezioni universitarie ed un acquazzone mi aveva reso un pesce fuor d'acqua; non perché non mi sentissi a mio agio, era proprio che sembravo un pesce appena uscito dall'acqua. Era  ottobre. Poi è trascorso novembre, seguito come ogni anno da dicembre. Dicembre, il terrore di tutti coloro che hanno voglia di perdere peso, perché dicembre non è un mese , ma una gara di sopravvivenza!

......................Dicembre:

Per la prima metà sembra tutto tranquillo; le giornate  dovrebbero scorrere in maniera ordinaria, anche se ormai dopo anni di esperienza, già intorno al 8 cominci ad avvertire qualcosa. L'aria diventa sempre più dannatamente natalizia ed è  allora  che per uno studente fuori sede col terrore di ingrassare iniziano ad aggrovigliarsi  i sentimenti, quelli  felici per il ritorno a casa ed il terrore di quei cenoni a cui non sei più abituato. Si perché tu , studente pigro, fino al 20 dicembre per pranzo o per cena continuerai a  mangiare o un petto di pollo ,addolcito giusto con un filo d'olio, o un'insalata, al massimo  da condire; perché come ogni maledetta sera di cucinare non  ne  hai per niente voglia. Ma non sei triste perché mangi poco, anzi, la tua pigrizia sta cominciando anche a regalarti qualche chilo in meno; tu sei triste perchè sai che una volta seduto e  dopo aver  messo le gambe sotto quel tavolo del parente di turno, tu non riuscirai a dire "NO,GRAZIE!" oppure "PER FAVORE,DIMEZZA IL PIATTO".

Ma siamo ancora al 8 quindi non ci pensi più di tanto.
Tuttavia una volta rientrato in "patria" è la fine, ma non te ne rendi conto, perché preso dall'euforia del ritorno non dai più Peso a nulla; e cominci a bere e mangiare come non mai, e quando si avvicina il giorno  del pranzo di natale l'unica cosa che riesci a dire, sempre ,ogni anno è :" SI,UN ALTRO PIATTO GRAZIE!". Ma ormai sei sopraffatto, non  ci si può svegliare da questa fase di trans e voracemente ti avvicini al cenone di capodanno superando anche il 26 , programmando nell'intermezzo tutte le pizzate e cene possibili con tutti gli amici, ed ex compagni di scuola , organizzando perfino la reunion dei vecchi compagni di Nido!
Poi arriva capodanno, cenone che si svolge con lo stesso modus operandi di natale moltiplicato per tre!
Serata affollatissima di baci di auguri, di buoni propositi per l'anno nuovo, di rimpianti  o di rivincite avute nell'anno appena passato. E festeggi allegro, trincando il più possibile con quella bottiglia di spumante appena tolta dallo scatolo del panettone.

Nonostante tutti  poi inevitabilmente il giorno dopo, anzi lo stesso giorno ma solo dopo  quelle 7/8 ore di sonno comatoso, il risveglio non è solo un post sbornia,è anche il risveglio da quello stato di trans in cui eri caduto. Immancabilmente ci si comincia ad accarezzare la pancia, con quell'aria da  "Perché??...Perché l'ho fatto?!!" . Inoltre ci si aggiunge quello stato di depressione aggiunto, se  durante questo assalto allo stomaco , ci si è dimenticati di come è fatto il libro dell'esame che non hai dato a settembre, seguito da un rapido innalzamento di ansia per le 3500 le pagine che dovrai ricominciare a studiare con il plus delle altre. Ma il pensiero non va lì, no. Tu pensi soltanto al modo di togliere quei fottutissimi chili presi durante la guerra natalizia!

......................

E così  è iniziato l'anno nuovo ricco di chili  e buoni propositi. Ho lasciato scorrere due mesi  dall'ultimo post , ma ora dovevo scrivere qualcosa. Anche se ormai è già trascorso metà Gennaio. Comunque, facendo finta che sia appena arrivato il nuovo anno , vorrei ringraziare chi ha coniato la parola   DuemilaeCredici, perfetta per l'anno che è giunto,  perché a me da modo di sperare al meglio; mi da voglia di credere di più in quello che sta per arrivare. Per ora rispetto a 100 giorni 11 ore  fa   qui è cambiato ben  poco, vabbè al governo non c'è più Monti, il campionato oramai è stato definito  e  il mio futuro resta ancora tutto da Scrivere!

Commenti

Post popolari in questo blog

#Momento Serietà Misto A Nostalgia

Oggi come al solito, per carenza di memoria, ho dovuto spulciare in vecchi post alla ricerca di una data - che tanto lo sapevo che per quanto ero/sono social quel giorno avevo scritto sicuramente qualcosa; il che mi ha portato a fare  un salto all'indietro di SETTE anni,
SETTE ANNI!
 che solo a dirlo mette spavento dato che in tutto questo tempo avrei potuto veder nascere un figlio, magari battezzarlo ed in questi giorni poi doverlo accompagnare in chiesa per il catechismo o qualcosa del genere – (Perché lo ammetto posso essere anche agnostico, ateo o quel che si voglia , ma sono sicuro che i sacramenti mio figlio li dovrà ricevere… forse solo più per la festa che c’è dopo).
Comunque, Sette anni!
Per fortuna dopo tutto questo tempo il Figlio sono rimasto ancora solo io, niente pensieri di quel tipo, anche se non è che abbia rischiato chissà quanto di incappare nel ritrovarmi in quella situazione.
La cosa che però mi ha dato più da pensare è stato il rileggere quei vecchi post e com…

Così bella da restarci male.

La vita è  fatta di scelte e decisioni,da prendere o da accettare. Questo rende la vita, per quanto il più  razionale possile, allo stesso tempo imprevedibile,  perché  non sappiamo mai quello a cui le nostre  scelte ci porteranno. E allora cominciamo a immaginare i possibili  scenari, le possibili complicanze e tutte le possibilità a cui potrebbe portarci la scelta, la decisione che stiamo o vorremmo  prendere.
Ma la vita è  bastarda. Per quanto sia facile, il susseguirsi  di miriadi di possibilità rende il tutto  incontrollabile.
Così  dopo una  scelta semplice e banale, ti ritrovi  davanti ad uno scenario del tutto inaspettato, dove quelle che credevi potessero essere le tue azioni e reazioni stravolgono tutto. Situazioni in cui non hai la forza di restare e neanche la voglia di andare. Situazioni che ti fanno riflettere troppo,  situazioni da starci male per quanto ti facciano sentir bene.
Ed in situazioni  come questa che la vita comincia a spingerti a tentare il salto nel vuot…

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…