Passa ai contenuti principali

Ti va di scoprire l'america?

E all'improvviso scopri che di tutti i tipi di giornate, ne esiste qualcuna che ancora non conoscevi.
Quelle giornate così piene di emozioni che sembra quasi che sia passata una vita prima di arrivare a sera. Giornate  in grado di portarti fino a sfiorare le nuvole addirittura con il palmo della mano, al solo scopo di avere più possibiltà di colpirti con un fulmine al primo colpo, per vederti poi precipitare per ridere di te.
Giornate  stanche, felici, fastidiosamente divertenti . Giornate in cui fermarsi  vuol dire correre indietro, per ritrovarsi catapultati in ricordi strani, rimossi , ancora tuoi. Ricordi di cui puoi fare almeno, ma non riesci a stare senza. E allora cominci a fare avanti e indietro con il prima e il dopo, con l'adesso e quello che è stato , con ieri e Domani. Perché anche se ti sei fermato, sai che non c'è traguardo al'ombra del cipresso che rinfresca i piedi e il cuore che quei ricordi già li hanno vissuti. Con lo sguardo  allora cerchi di spiare cosa c'è dietro quella montagna che dovrai scalare; ma non si può. Per vedere cosa c'è oltre bisogna arrivare in cima e solo allora godersi il panorama. Per sentirsi in ogni giornata come Colombo davanti all'oceano prima di salpare, con sogni e speranze  frullate alla tristezza e rammarico di non essere già lì  e di non sapere quel che nasconde il futuro panorama. Quel misterioso panorama che affascina e spaventa; quel panorama che nessuno è mai riuscito ad immaginare; con il panorama che tutti sognano e solo i saggi vivono. Loro che di montagne ne hanno scalato a migliaia, loro che di oceani non ne hanno più salpati. Loro che sanno com'è bello non sapere già quel che ti aspetta. Frontiere nuove, forse diverse, o magari  una uguale all'altra . Ma poco importa , perché  anche se dietro ogni montagna ci sarà lo stesso albero sotto il quale riposare, sarai tu diverso, con un paio di scarpe nuove e con i cuore pieno di nuovi ricordi. Per fermarsi di nuovo riparati da quel cipresso, impaziente di vederti riposare mentre lasci andare ciò che  eri!

Commenti

Post popolari in questo blog

E tu cosa cerchi?

La vita è strana si sa, non sono né il primo e né l'ultimo a dirlo. Capita spesso di imbattersi in situazioni strane  che ti lasciano sbalordito in tutti sensi; è la mano della vita ,che o ti accarezza o ti schiaffeggia. Ma per quante volte mi sia ritrovato di fronte a questa mano,e capita abbastanza spesso, altrettante non riesco a trattenermi dal fermarmi e riflettere,  perder tempo, ma soprattutto cercare di capire i perché certe situazioni accadano, tentare di "analizzarle"; anche se ogni volta non ne cavo un Ragno dal buco. E vorrei poter saper uscire dai labirinti della mia mente perché forse non sono ampi abbastanza per contenere quello che è veramente. Però questa volta forse è diverso, credo di aver capito.
Ne sono convinto.
Come sono convinto che ognuno di noi nella propria vita ha sperato, sognato, desiderato di incontrare l'Amore della sua vita;  tutti almeno  una volta nella vita abbiamo abbassato le nostre barriere e, privi di ripari, abbiamo provato a …

Il regalo perfetto.

Non capisco per quale motivo  più  passa il tempo e più  non comprendo la maggior parte della gente. Chissà  quanti altri hanno fatto riflessioni sull'argomento "apparenza", tanti. Ma guardandomi intorno non mi riesco a trattenere  dall'aggiungermi a questa lista. Voglio capire.Viviamo in un' epoca dove per qualsiasi siano i tuoi  ideali , il tuo modo di essere o chiunque tu sia o faccia, esiste un solo ed unico mantra da seguire ed è  quello dettato dall'apparenza, dal saper vender malgrado i contenuti. Si è  passati da "L'occhio vuole la sua parte" a il "Date da mangiare agli occhi". Una società  sempre più  orientata al conformismo generale, sempre più  gregge su  qualsiasi cosa;  una società  in cui la forza  delle idee viene messa da parte per darle la possibilità  di  apparire.
Sarà  che forse solo ora me ne sono  reso conto, ma basta guardare un po più con occhio critico tutti quei selfie e non che vengono pubblicati per dubitar…

Come mi descriverei?!

Come ti descriveresti?
Non è la prima volta che mi ritrovo davanti a questa domanda, e come ogni volta rispondo a caso senza pensarci. Forse perché non mi va o più semplicemente perché non lo so. Allora mi sono chiesto come faccio a descrivermi, nessuno può descriversi senza specchiarsi e allora ho voluto che lo specchio in cui descrivermi fosse quello che dice di me la gente.
Qualcuno mi ha definito matto, irrequieto, energetico;
qualcuno mi ha definito pigro e svogliato;
qualcuno mi ha definito tranquillo e pensieroso;
qualcuno mi ha definito pagliaccio, ma nel senso buono (ha aggiunto);
qualcuno addirittura ha osato dandomi dell’artista, e di sicuro in quella frase il sarcasmo abbondava;
qualcuno mi ha dato del coglione, forse anche più di uno.
In tutta sincerità ora non ricordo se quel qualcuno era la stessa persona o sono solo una sintesi delle centinaia di persone che ho incontrato per la strada, ma di sicuro per ogni parola che mi son sentito dire, nessun di queste me la sono…