Passa ai contenuti principali

Un nuovo inizio , ma la stessa storia

Ed ecco un nuovo capodanno, come ogni qual volta che comincia un nuovo anno.
Comincia sempre in modo festoso : ipercenoni e gran botti, seguiti da sopportabili mal di testa nel risveglio del giorno dopo.
Tutto allegro e spensierato, brindisi e una sfilza numerosa di abbracci e baci ,seguiti inevitabilmente da altri brindisi, e poi altri abbraci e poi altri brinisi ecc...
Fino a che non si  arriva alla sera dell 1, la prima sera del nuovo anno.
La sera della resa dei conti. La sera in cui ,se non hai avuto il coraggio -o le forze- di continuare a festeggiare il nuovo anno arrivato, cominci a tirare le somme dell'anno passato.
Prima le gioie, perchè i bei pensieri sono i primi ad affiorare;
e dopo questo lungo autocelebrarsi, i rimpianti! i brutti ricordi di un anno che per quanto possa essere stato fantastico, nella prima sera del nuovo anno, condizionano  la commemorazione dell'anno appena passato e finito.
E se hai la fortuna che questi non ti lancino in una valle di lacrime,
ti portano  sicuro in un blocco note in cui compare la lista degli obiettivi impressi, scritti nella stessa camera, allo stesso orario, nella stessa giornata ma di un anno fa.
E i tipi di obiettivi ad ogni anno saranno sempre  due: raggiunti e non.
Se maggioranza va  a quelli del primo tipo , beh, non posso che farti gli auguri di nuovo.
Di sicuro sarà più dolce addormentarsi.
Se invece sono i secondi a prevalere , allora  la voglia di rivalsa riempirà i tuoi occhi.
Si comincia con il riaprire il blocco note, togliere gli obiettivi raggiunti, magari aggiungerne di nuovi e cambiare il nome prima di salvarlo con un nuovo numero: 2015. Fatto.
E poi diventa più difficile addormentarsi, perchè automaticamente  si comincia a sognare ad occhi aperti, a sognare il nuovo anno, a come sarà... anzi, a come vorremmo che fosse. E prima di riuscire ad addormentarsi ,nella prima sera del nuovo anno, che nel frattempo di sicuro sarà diventata la seconda giornata del nuovo anno, avremo già visto lo scorrere di questo 2015, nei minimi particolari, le fortune e sfortune che lo riempiranno, e ci sembrerà che difficilmente sarà diverso da così.

Quello che vi auguro è che quel sogno ad occhi aperti che farete questa sera prima di addormentarvi si avveri, ma solo con un briciolo di fortuna in più!


Commenti

Post popolari in questo blog

Il regalo perfetto.

Non capisco per quale motivo  più  passa il tempo e più  non comprendo la maggior parte della gente. Chissà  quanti altri hanno fatto riflessioni sull'argomento "apparenza", tanti. Ma guardandomi intorno non mi riesco a trattenere  dall'aggiungermi a questa lista. Voglio capire.Viviamo in un' epoca dove per qualsiasi siano i tuoi  ideali , il tuo modo di essere o chiunque tu sia o faccia, esiste un solo ed unico mantra da seguire ed è  quello dettato dall'apparenza, dal saper vender malgrado i contenuti. Si è  passati da "L'occhio vuole la sua parte" a il "Date da mangiare agli occhi". Una società  sempre più  orientata al conformismo generale, sempre più  gregge su  qualsiasi cosa;  una società  in cui la forza  delle idee viene messa da parte per darle la possibilità  di  apparire.
Sarà  che forse solo ora me ne sono  reso conto, ma basta guardare un po più con occhio critico tutti quei selfie e non che vengono pubblicati per dubitar…

#Momento Serietà Misto A Nostalgia

Oggi come al solito, per carenza di memoria, ho dovuto spulciare in vecchi post alla ricerca di una data - che tanto lo sapevo che per quanto ero/sono social quel giorno avevo scritto sicuramente qualcosa; il che mi ha portato a fare  un salto all'indietro di SETTE anni,
SETTE ANNI!
 che solo a dirlo mette spavento dato che in tutto questo tempo avrei potuto veder nascere un figlio, magari battezzarlo ed in questi giorni poi doverlo accompagnare in chiesa per il catechismo o qualcosa del genere – (Perché lo ammetto posso essere anche agnostico, ateo o quel che si voglia , ma sono sicuro che i sacramenti mio figlio li dovrà ricevere… forse solo più per la festa che c’è dopo).
Comunque, Sette anni!
Per fortuna dopo tutto questo tempo il Figlio sono rimasto ancora solo io, niente pensieri di quel tipo, anche se non è che abbia rischiato chissà quanto di incappare nel ritrovarmi in quella situazione.
La cosa che però mi ha dato più da pensare è stato il rileggere quei vecchi post e com…

Così bella da restarci male.

La vita è  fatta di scelte e decisioni,da prendere o da accettare. Questo rende la vita, per quanto il più  razionale possile, allo stesso tempo imprevedibile,  perché  non sappiamo mai quello a cui le nostre  scelte ci porteranno. E allora cominciamo a immaginare i possibili  scenari, le possibili complicanze e tutte le possibilità a cui potrebbe portarci la scelta, la decisione che stiamo o vorremmo  prendere.
Ma la vita è  bastarda. Per quanto sia facile, il susseguirsi  di miriadi di possibilità rende il tutto  incontrollabile.
Così  dopo una  scelta semplice e banale, ti ritrovi  davanti ad uno scenario del tutto inaspettato, dove quelle che credevi potessero essere le tue azioni e reazioni stravolgono tutto. Situazioni in cui non hai la forza di restare e neanche la voglia di andare. Situazioni che ti fanno riflettere troppo,  situazioni da starci male per quanto ti facciano sentir bene.
Ed in situazioni  come questa che la vita comincia a spingerti a tentare il salto nel vuot…