Passa ai contenuti principali

Anche Questa è Vita.


Vorrei solo un po' di tempo per capire chi sono nel profondo; vorrei solo un po' di spazio per capire quello che voglio veramente; vorrei solo essere me stesso per vivere la vita che voglio.

Queste e molte altre frasi col trascorrere dei secondi riempiono le mie giornate, giornate ormai scialbe e prive di sapore, cadute in una angosciante monotonia che si ripete. Batte, picchia e ribatte lì la lingua, su quel dannato dente che fa male , e nel frattempo è già ripassata una delle tante giornate. Ingiusta questa vita che ti costringe ogni giorno a tradurre le risposte alle tue domande da quel che ti circonda, da quei segnali che inutilmente non riesci a trovare. Non vuol capire che io non ho il dizionario e non riesco ad interpretarla, e poi non conosco nemmeno la lingua. E vabbè , si va avanti lo stesso, non è che se non si conosce la strada ci si fermi... ?! ... ok mi sono perso; ma mi rimane pur sempre il mio ottimo senso di orientamento... ?! ...Ma quale senso dell'orientamento. Sono in una foresta oscura e non ricordo nemmeno la strada che ho lasciato alle spalle. Ora è ufficializzato. Sono perso.
Tutta colpa di questa fottuta ansia, mi ha sedotto e conquistato, e ora mi pervade come non mai.
Che poi non capisco come fa un sentimento così piccolo come l'ansia, a riempirti il corpo e ad impossessarsi del cervello. Mha, strano essere umani.
L'unico modo di volare via lontano resta chiudere gli occhi, ed immaginarsi in mondi sconosciuti, ma in cui vivi da una vita. Quel mondo lontano che ci si riesce a inventare, nel quale ci si rifugia nei momenti bui. Il mondo in cui non esistono problemi, non c'è angoscia, tutto è nuovo e stimolante, tutto ti rallegra e tutto ti sorride. Quel fantastico mondo dove non ci sono desideri, perché basta la realtà. La realtà. Dannato mondo. Ora sono rimasto incastrato li e non riesco più a tornare in quella oscura foresta chiamata realtà. Si è preso gioco di me, è riuscito a farmi prendere il volo; alzarmi da terra e portarmi lontano; e quando ho chiesto di ritornare con i piedi per terra, mi ha lasciato cadere. E ora precipito, di nuovo giù. Sperando che l'impatto con la terra non sia troppo doloroso.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Così bella da restarci male.

La vita è  fatta di scelte e decisioni,da prendere o da accettare. Questo rende la vita, per quanto il più  razionale possile, allo stesso tempo imprevedibile,  perché  non sappiamo mai quello a cui le nostre  scelte ci porteranno. E allora cominciamo a immaginare i possibili  scenari, le possibili complicanze e tutte le possibilità a cui potrebbe portarci la scelta, la decisione che stiamo o vorremmo  prendere.
Ma la vita è  bastarda. Per quanto sia facile, il susseguirsi  di miriadi di possibilità rende il tutto  incontrollabile.
Così  dopo una  scelta semplice e banale, ti ritrovi  davanti ad uno scenario del tutto inaspettato, dove quelle che credevi potessero essere le tue azioni e reazioni stravolgono tutto. Situazioni in cui non hai la forza di restare e neanche la voglia di andare. Situazioni che ti fanno riflettere troppo,  situazioni da starci male per quanto ti facciano sentir bene.
Ed in situazioni  come questa che la vita comincia a spingerti a tentare il salto nel vuot…

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…

Era lei (?).

Hai presente la donna ideale?! Si , quella ragazza che sogni da sempre. La ragazza che non hai mai incontrato, ma che è da così tanto che ne hai ricordi da conoscere ormai  tutto di lei; i suoi  occhi , i suoi capelli un po’ arruffati perché sempre in ritardo, il suo mordersi le labbra quando si sente a disagio, il modo in cui si arrabbia quando cerchi inutilmente di farla ridere con una battuta- che è tutto tranne che divertente- ma soprattutto quell'irresistibile sorriso che ha nel vederti fumare il cervello per cercare qualcosa che possa farla ridere. Si, lei!La donna ideale. Proprio lei, che anche se non hai voglia di impegnarti, che anche quando vuoi stare solo , felicemente solo, vorresti accanto. La ragazza che solo con uno sguardo sa capire se hai dimenticato qualcosa…anche stavolta. Quella tipa indipendente che una volta presa una decisione sarà difficile farle cambiare idea; che nel bene o nel male se c’è lei sei sempre più felice. Beh… quante volta l’hai immaginata ?…