Passa ai contenuti principali

Anche Questa è Vita.


Vorrei solo un po' di tempo per capire chi sono nel profondo; vorrei solo un po' di spazio per capire quello che voglio veramente; vorrei solo essere me stesso per vivere la vita che voglio.

Queste e molte altre frasi col trascorrere dei secondi riempiono le mie giornate, giornate ormai scialbe e prive di sapore, cadute in una angosciante monotonia che si ripete. Batte, picchia e ribatte lì la lingua, su quel dannato dente che fa male , e nel frattempo è già ripassata una delle tante giornate. Ingiusta questa vita che ti costringe ogni giorno a tradurre le risposte alle tue domande da quel che ti circonda, da quei segnali che inutilmente non riesci a trovare. Non vuol capire che io non ho il dizionario e non riesco ad interpretarla, e poi non conosco nemmeno la lingua. E vabbè , si va avanti lo stesso, non è che se non si conosce la strada ci si fermi... ?! ... ok mi sono perso; ma mi rimane pur sempre il mio ottimo senso di orientamento... ?! ...Ma quale senso dell'orientamento. Sono in una foresta oscura e non ricordo nemmeno la strada che ho lasciato alle spalle. Ora è ufficializzato. Sono perso.
Tutta colpa di questa fottuta ansia, mi ha sedotto e conquistato, e ora mi pervade come non mai.
Che poi non capisco come fa un sentimento così piccolo come l'ansia, a riempirti il corpo e ad impossessarsi del cervello. Mha, strano essere umani.
L'unico modo di volare via lontano resta chiudere gli occhi, ed immaginarsi in mondi sconosciuti, ma in cui vivi da una vita. Quel mondo lontano che ci si riesce a inventare, nel quale ci si rifugia nei momenti bui. Il mondo in cui non esistono problemi, non c'è angoscia, tutto è nuovo e stimolante, tutto ti rallegra e tutto ti sorride. Quel fantastico mondo dove non ci sono desideri, perché basta la realtà. La realtà. Dannato mondo. Ora sono rimasto incastrato li e non riesco più a tornare in quella oscura foresta chiamata realtà. Si è preso gioco di me, è riuscito a farmi prendere il volo; alzarmi da terra e portarmi lontano; e quando ho chiesto di ritornare con i piedi per terra, mi ha lasciato cadere. E ora precipito, di nuovo giù. Sperando che l'impatto con la terra non sia troppo doloroso.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E tu cosa cerchi?

La vita è strana si sa, non sono né il primo e né l'ultimo a dirlo. Capita spesso di imbattersi in situazioni strane  che ti lasciano sbalordito in tutti sensi; è la mano della vita ,che o ti accarezza o ti schiaffeggia. Ma per quante volte mi sia ritrovato di fronte a questa mano,e capita abbastanza spesso, altrettante non riesco a trattenermi dal fermarmi e riflettere,  perder tempo, ma soprattutto cercare di capire i perché certe situazioni accadano, tentare di "analizzarle"; anche se ogni volta non ne cavo un Ragno dal buco. E vorrei poter saper uscire dai labirinti della mia mente perché forse non sono ampi abbastanza per contenere quello che è veramente. Però questa volta forse è diverso, credo di aver capito.
Ne sono convinto.
Come sono convinto che ognuno di noi nella propria vita ha sperato, sognato, desiderato di incontrare l'Amore della sua vita;  tutti almeno  una volta nella vita abbiamo abbassato le nostre barriere e, privi di ripari, abbiamo provato a …

Il regalo perfetto.

Non capisco per quale motivo  più  passa il tempo e più  non comprendo la maggior parte della gente. Chissà  quanti altri hanno fatto riflessioni sull'argomento "apparenza", tanti. Ma guardandomi intorno non mi riesco a trattenere  dall'aggiungermi a questa lista. Voglio capire.Viviamo in un' epoca dove per qualsiasi siano i tuoi  ideali , il tuo modo di essere o chiunque tu sia o faccia, esiste un solo ed unico mantra da seguire ed è  quello dettato dall'apparenza, dal saper vender malgrado i contenuti. Si è  passati da "L'occhio vuole la sua parte" a il "Date da mangiare agli occhi". Una società  sempre più  orientata al conformismo generale, sempre più  gregge su  qualsiasi cosa;  una società  in cui la forza  delle idee viene messa da parte per darle la possibilità  di  apparire.
Sarà  che forse solo ora me ne sono  reso conto, ma basta guardare un po più con occhio critico tutti quei selfie e non che vengono pubblicati per dubitar…

Come mi descriverei?!

Come ti descriveresti?
Non è la prima volta che mi ritrovo davanti a questa domanda, e come ogni volta rispondo a caso senza pensarci. Forse perché non mi va o più semplicemente perché non lo so. Allora mi sono chiesto come faccio a descrivermi, nessuno può descriversi senza specchiarsi e allora ho voluto che lo specchio in cui descrivermi fosse quello che dice di me la gente.
Qualcuno mi ha definito matto, irrequieto, energetico;
qualcuno mi ha definito pigro e svogliato;
qualcuno mi ha definito tranquillo e pensieroso;
qualcuno mi ha definito pagliaccio, ma nel senso buono (ha aggiunto);
qualcuno addirittura ha osato dandomi dell’artista, e di sicuro in quella frase il sarcasmo abbondava;
qualcuno mi ha dato del coglione, forse anche più di uno.
In tutta sincerità ora non ricordo se quel qualcuno era la stessa persona o sono solo una sintesi delle centinaia di persone che ho incontrato per la strada, ma di sicuro per ogni parola che mi son sentito dire, nessun di queste me la sono…