Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2012

E Riecco il Maltempo... e anche un altro Post!

ACCIDENTI! E' da un bel po' che non scrivo nulla sul mio Blog, vabbè non c'è nessuno che mi segue però quale occasione migliore per ricominciare a scrivere qualcosa , se non dopo il Diluvio che ha colpito Roma, ma che dico Roma, il Diluvio che ha colpito ME! Se oggi non è stata una tipica situazione Fantozziana, non so proprio come definirla. Anch'io ho avuto il mio nuvolone che mi inseguiva. Ok: Roma , onde evitare catastrofi, con una possibile tempesta alle porte, non hanno esitato a dare l'allerta meteo; e infatti per evitare che il maltempo mi beccasse, il mio fedele ombrellino appena  mi son svegliato  già si trovava nello zaino; che destino beffardo! Alle 9.30 già mi sentivo in obbligo di prendere in giro tutti  i meteorologi per il falso allarme messo in circolazione, dato che la giornata è iniziata nel classico dei modi con un bellissimo sole che continuava a farsi scherno dell’autunno ormai inoltrato. Doverose sono state le invocazioni sarcastiche a Noè ,p…

Notte d'Estate

Luglio 23 2012. Ore 23.54.
Non è proprio notte fonda, ma l'oscurità che mi circonda sa camuffare bene questa mancanza. Siamo in estate e dovrebbe essere una di quelle belle notti stellate , per fortuna no. Qui il cielo è grigio, un gregge di nubi continua a ricordare la possibilità di pioggia; e io mi continuo a godere questo buio. Solo un po' di luce in lontananza emanata dall'unico lampione della contrada che non da ancora segni di cedimento, e un faro anti intrusione del vicino. Seduto su una sdraio da mare, con una leggerissima coperta, nella veranda della mia camera ammiro i lampi che distanti mettono in risalto quella statua del Monte Alpi e le sagome delle colline che mi accerchiano. Un po’ alla volta si avvicinano, proprio quello che speravo. Allora mi alzo, vado di la e spengo l’ultima luce accesa in casa, tanto stanno già dormendo. La folgore si fa sempre più vicina, l’aria rinfresca e una leggera frescura entra dalla finestra ancora aperta; forse meglio chiud…

La Meraviglia del Tempo

Il Tempo.
Un incessante, irrefrenabile  e infinito susseguirsi di attimi.
Attimi che velocemente sfuggono per diventare passato, ma che al tempo stesso così lenti sembrano non finire mai. La mente è costretta a piegarsi dinanzi a quell'infinità che il tempo contiene, esso che è l'esempio più concreto di immensità.  Tempo con un innato senso del tutto, in esso vi è ciò che è stato, quel che è e quel che sarà; emozioni,sentimenti, gioia,sorrisi, euforia,dolore, lacrime, riflessioni, incontri, scontri, litigi, amicizie, amori, questo e tanto altro è quello che il tempo contiene, insomma la vita, la vita di ognuno di noi. Tempo che mescola tutti questi elementi per crearne altri e ancora altri, tempo che passa ma che non basta mai. Credo che ognuno di noi, almeno una volta nella propria vita, si sia soffermato di fronte ad esso per rifletterci su, per contemplarlo e per stupirsi ogni giorno sempre di più. Ripensare a tutto quel che si è fatto ed accorgersi di come questo tempo agi…

La Prima Parola.....Post! L'inizio con la Fine

Difficile trovare le parole per l’inizio di questa nuova esperienza. Inutile schiarirsi la voce o prendere un bel respiro (anche perché ho a disposizione tutto il tempo che voglio per poter scrivere). Era già da un po’ che riflettevo sull’idea di poter esprimermi in un blog tutto mio, dove poter dire quel che penso, quello che mi passa per la mente. D’altronde questa è l’anima di qualsiasi blog; da quanto riporta Wikipedia  un blog non è altro che una sorta di diario online, dove poter scrivere qualsiasi  cosa si voglia, esprimere  le proprie considerazioni e le proprie idee.
Quindi non avevo frainteso.
E allora diamo il via ufficiale al blog de Il Ragno Parlante.
La data d’inizio di questo blog è molto significativa, eh già , soprattutto se si pensa che qualcuno oggi aveva dato per spacciato l’intero Pianeta, anticipando di qualche centinaio di giorni l’altra predizione. Solo che ora mi confondono; non ho capito se hanno  predetto l’anticipazione della fine, per farci abituare all…