Passa ai contenuti principali

Cambia tutto per non Cambiare niente. Non questa volta

Mancano solo 13.
Qualsiasi altra persona sana di mente, con i miei stessi giorni vissuti, di sicuro non perde energie per riflettere su quanto sto facendo io. Poco meno di due settimane per sancire all'anagrafe il quarto di secolo e come già successo sette anni fa, forse proprio oggi, forse proprio a quest’ora -con uno sguardo alle spalle si- ma la riflessione diventa più un susseguirsi di buoni propositi, il compilare una lista di cose da fare, di obiettivi da raggiungere, di cambiamenti da apportare, un pensare al futuro.

Ed è proprio dopo aver finito di riempire la nuova lista che mi sono accorto di quanto non sia cambiata dalla passata versione; è vero con qualche aggiunta, con l’ordine cambiato, ma in fondo uguali. Voglia di rivalsa, voglia di migliorare, sogni da realizzare, occasioni da cui farsi rapire.
Di vita ne ho vissuta, esperienze tante che differenziano la scrittura delle liste, ma sempre allo stesso modo, sempre con le stesse conclusioni.
Il cambiamento mi ha sempre spaventato, intimorito. 
Il cambiamento mi ha sempre frenato e bloccato in questa bolla da cui scappo portandomela dietro. Ma se è vero che il tempo cambia tutto, non è vero che cambiamo anche noi, cambiare non è una conseguenza; c’è bisogno di impegno ma soprattutto di tanto coraggio, di agire malgrado la paura che paralizza.
Sarà la crisi dei 13 giorni che mi illude, ma forse questa volta è la volta giusta. 
Le ferite, i lividi, le cicatrici, i continui schiaffi in faccia, le porte chiuse, le speranze calpestate che hanno colpito e scalfito, ma questa è la volta buona che cambio corazza

Non voglio ritrovarmi ingabbiato in una vita che non amo solo per paura di non trovare nulla di meglio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…

E' bello avere una persona Account.

I:"Sai mi sono disattivato Facebook, mi ero accorto che passavo troppo tempo li"

II:" Ah beh! Hai fatto bene! Tutti lo dicono che sta diventando una droga, ho letto un articolo che ha postato un mio amico e ci hanno fatto anche un meme!..Troppo divertente!"

I:" Eh si. Non c'avevo gusto nemmeno ad ascoltare un po' di musica che dopo 10 secondi pensavo solo a doverla condividere."

II:" Massì hai fatto bene. Infatti ho visto che pubblicavi sempre canzoni, ad un paio ho messo pure mi piace, ma la penultima che avevi messo era inascoltabile."

I:" Vabbè tranquillo che ora la musica che ascolto  me l'ascolto solo io."

II:" Bravo! Non fare come quelli che imperterriti continuano a condividere canzoni di Gi... ecco infatti, Enzo ha appena condiviso una canzone di Gigi D'Alessio! Ma come cazzo fa ad ascoltarlo?! Fortuna che mo ci sta l'emoticon arrabbiata. Altro che like il "grr" gli devo mettere."

I:" Che …

Il Ripensamento

Neanche una settimana.
Poco è durato il mio periodo di astinenza dai social. Dopo cinque giorni ho subito riattivato i miei profili social,  non per pubblicare , non per condividere o leggere quel che hanno scritto gli altri: per egoismo e voglia di protagonismo. Per quanto allo stesso tempo  mi son sentito una merda del fatto che il mio Rivoluzionario gesto del disattivare i social  sia passato talmente inosservato che anzi una merda ha più risalto.
Io che ho li ho riattivati proprio per evitare che venissi dimenticato, mi sono accorto che in realtà già lo ero da un bel pezzo;   non sono un profilo appetibile, non faccio tendenza. Passo inosservato. Io amante del sentirmi al centro della scena  non mi ero mai accorto di dare le spalle al pubblico , anzi che fondamentalmente il pubblico le desse a me.
Ma poco importa, almeno se casco non lo nota nessuno.
Anzi questo non lo capisco invece , tutti a guardare altrove ma quando casco tutti che si girano. Bah.
Me ne ritorno nel mio angolet…