Passa ai contenuti principali

Charlie n'exist pas!

Io non sono Chiarlie!

Nemmeno lo stesso Charlie è Charlie!

Parole forti per cominciare a parlare di questo argomento. Ma il mio non è uno slogan.
Il mio è solo un misero post per far capire che viviamo in un mondo in cui , per quanto vogliamo convincerci di essere liberi, facciamo sempre in modo di nascondere le catene che legano la nostra libertà  in tutte le sue forme : di pensiero, di espressione , di parola... tutta la libertà che crediamo di avere in realtà è soltanto uno stato mentale, è solo quello che vogliono farci credere.
Si lo ammetto credo nelle teorie del complotto.
Ma analizzando il mondo che mi circonda vedo che continua incessabilmente , quasi come le pubblicità che mi consigliano il modo di diventare ricco , la pubblicazione di stati, hashtag, link, post e tutto ciò che i social  mettono a disposizione, con l'unico inno : Je suis Charlie.
Non voglio puntare il dito sulla questione, o cadere anch'io nella trappola del
falso moralismo e cominciare a dire :

" AH, tu sei Charlie?! ma se fino a ieri non sapevi nemmeno chi cazzo fosse!"-(e anch'io non lo sapevo)-" Ma se sei il primo che se sente qualcuno criticare la TUA religione gli parte l'embolo!"

NO! Non voglio fare questo. Già lo fanno una miriade di persone a cui piace remare contro a qualsiasi cosa,  ma anche chi "Charlie" lo conoscevano davvero e come lui avevano rotto le catene.

Rendiamoci conto che la creazione di un nemico comune per unire i popoli, per plagiare le menti  e iniziare una caccia al colpevole già c'è stata e porta la data del 11 settembre 2001.

Analizziamo bene i fatti, CHI  è stato ucciso oltre i vignettisti? E' possibile che nel video che ha fatto il giro del mondo, del poliziotto ucciso conun Kalashikov (che uccide da chilometri), non si veda nemmeno uno schizzo di sangue? Se davvero sono così potenti quei fucili, possibile che il corpo si accasci soltanto a terra? Nessun Rinculo?

Altro che rinculo, personalmente sento puzza di inculata mondiale!

Se la paura deve lasciare spazio a un ulteriore limitazione della Libertà, allora cerchiamo di farci questa domanda: " Per combattere il terrorismo, l'unica soluzione è davvero annientare la mia libertà?"

Non so se sia giusto porsi queste domande , ma resta il fatto che poveri innocenti sono morti per il bene di chi solo il futuro ci saprà rispondere. Per ora solo lacrime e disperazione , ma non per chi si aggiunge alla causa , ma per le persone a cui sono stati sottratti i propri cari,

Commenti

Post popolari in questo blog

Così bella da restarci male.

La vita è  fatta di scelte e decisioni,da prendere o da accettare. Questo rende la vita, per quanto il più  razionale possile, allo stesso tempo imprevedibile,  perché  non sappiamo mai quello a cui le nostre  scelte ci porteranno. E allora cominciamo a immaginare i possibili  scenari, le possibili complicanze e tutte le possibilità a cui potrebbe portarci la scelta, la decisione che stiamo o vorremmo  prendere.
Ma la vita è  bastarda. Per quanto sia facile, il susseguirsi  di miriadi di possibilità rende il tutto  incontrollabile.
Così  dopo una  scelta semplice e banale, ti ritrovi  davanti ad uno scenario del tutto inaspettato, dove quelle che credevi potessero essere le tue azioni e reazioni stravolgono tutto. Situazioni in cui non hai la forza di restare e neanche la voglia di andare. Situazioni che ti fanno riflettere troppo,  situazioni da starci male per quanto ti facciano sentir bene.
Ed in situazioni  come questa che la vita comincia a spingerti a tentare il salto nel vuot…

Rialzarsi e Ricominciare a camminare.

Ci sono dei momenti in cui è importante decidere, quei momenti in cui non sei tu a metterti di fronte ad  una scelta, ma sei costretto a scegliere e basta.
Viviamo in un moto perpetuo e continuo , dove le nostre strade si mischiano alle insidie e i dolori alle gioie. Quei momenti in cui ti senti spaesato , dove quello in cui hai sempre creduto vacilla, traballa  ed è difficile restare in piedi. Si è costretti a cadere a guardare tutto da un altra prospettiva. Tutto viene rimesso in discussione, tutto viene ripreso in ballo. Molto probabilmente nel mio caso amplifico tutto. Per quanto non lo dimostri ho la testa che continua a macinare pensieri di cui spesso quelli inutili vengono espulsi dalla bocca, e di solito quello di cui parlo, quello che mi trovo a dire è solo lo scarto di tutto quello che penso. Ma esistono le canzoni ed esiste questo blog, gli unici  che ascoltano  tutto quel penso che mi porto addosso. Così ti fermi e cerchi di guardare cosa ti frulla realmente sulle spalle ,…

Era lei (?).

Hai presente la donna ideale?! Si , quella ragazza che sogni da sempre. La ragazza che non hai mai incontrato, ma che è da così tanto che ne hai ricordi da conoscere ormai  tutto di lei; i suoi  occhi , i suoi capelli un po’ arruffati perché sempre in ritardo, il suo mordersi le labbra quando si sente a disagio, il modo in cui si arrabbia quando cerchi inutilmente di farla ridere con una battuta- che è tutto tranne che divertente- ma soprattutto quell'irresistibile sorriso che ha nel vederti fumare il cervello per cercare qualcosa che possa farla ridere. Si, lei!La donna ideale. Proprio lei, che anche se non hai voglia di impegnarti, che anche quando vuoi stare solo , felicemente solo, vorresti accanto. La ragazza che solo con uno sguardo sa capire se hai dimenticato qualcosa…anche stavolta. Quella tipa indipendente che una volta presa una decisione sarà difficile farle cambiare idea; che nel bene o nel male se c’è lei sei sempre più felice. Beh… quante volta l’hai immaginata ?…